I numeri unici degli Anni '50


 

 


L'A.S. Roma nel campionato 1950-51

"La Roma si presenta all'inizio del Campionato 1950-51 rinnovata in ragione di quattro (cinque) undicesimi per quanto riguarda il potenziale uomini... Queste novità dovrebbero dare alla compagine maggiore forza. Certamente tale rinnovamento fa ben sperare ... sul comportamento durante il torneo e sul piazzamento finale, che dovrebbero essere senza dubbio migliori di quelli dello scorso campionato". Queste le (poi rivelatesi nefaste) premesse da cui muove il numero unico in vendita (a 100 Lire) in concomitanza con l'inizio del torneo che condusse la Roma per la prima e unica volta in Serie B. Curate nei minimi dettagli, le 36 pagine analizzano, con il supporto di decine di immagini, le caratteristiche di tutti i giocatori della rosa per poi lasciarsi andare ad un paio di amarcord che vedono protagonisti Guido Masetti e Angelino Cerretti.


La Roma - 25 anni di vita sportiva (1952)

Tornata dopo un solo anno di cadetteria nella massima divisione, la Roma, nel torneo 1952/3, parte fortissimo e per qualche settimana è addirittura capolista. La società editrice "La città" sfrutta il momento e pubblica, al prezzo di 100 Lire, uno splendido (e rarissimo) opuscolo ricco di foto: 34 pagine che ripercorrono, senza desiderio di completezza, i primi 25 anni di storia giallorossa.


I campioni del giorno - Amadei (1952)

Tra le decine di foto che accompagnano il fascicoletto che la Gazzetta, il 31 Ottobre 1952, dedica ad Amedeo Amadei spiccano quelle degli esordi: in particolare, l'immagine che lo ritrae giovanissimo, con le tribune di Testaccio sullo sfondo, in occasione di un derby vinto dai boys della Roma per 3 a 2. Pubblicazione non particolarmente rara.


Campionissimo - Venturi (1953)

Il meglio del giornalismo (non solo) romano - da Barendson a Grandi, da Zanetti a Valentini - si mobilita per rendere omaggio, su questa pubblicazione dell'8 Febbraio 1953, al capitano giallorosso Arcadio Venturi.


I campioni del giorno - Galli (1953)

Il 15 Febbraio 1953, quando viene pubblicata questa monografia su Carlo Galli, il centravanti della Roma non ha ancora compiuto 22 anni. Alle spalle, però, ha già una notevole esperienza: tre campionati di A e uno di B gli hanno fruttato 40 goal e l'attenzione dei principali club italiani. Il profilo che emerge dalle 22 pagine è quello di un attaccante completo con pochi punti deboli e un grande agonismo: naturale, allora, che di un giocatore del genere il tifoso giallorosso impieghi davvero poco per innamorarsi.


La Roma 1953-54

Il sesto posto della stagione precedente lascia ben sperare. Anche perché l'arrivo di Moro e Ghiggia dovrebbe accrescere il livello tecnico della compagine affidata al tecnico Mario Varglien. Sulle pagine di un volumetto piuttosto raro ci si domanda, allora, se "la nuova Roma [è] da scudetto"; la risposta, purtroppo, sarà negativa. Rimane, sulla carta, la selezione delle immagini scelte per immortalare i giocatori della rosa di prima squadra.


Amadei l'onorevole (1954)

Ritratto con la maglia dell'Inter quando il Fornaretto è in forza al Napoli, Amadei l'onorevole, pubblicato il 12 Marzo 1954, merita di essere inserito in questa galleria poiché sia le note biografiche sia le fotografie fanno riferimento, quasi esclusivo, al lungo e fortunato periodo trascorso con l'A.S. Roma. In tutto, una ventina di pagine con 9 immagini che ritraggono Amadei impegnato anche con i colori della Nazionale.


Questa è la Roma (1955)

Per due anni consecutivi, su iniziativa della Carucci editore, gli appassionati giallorossi beneficiano di una pubblicazione di alto livello, in vendita al prezzo di 100 Lire. Pur senza il crisma dell'ufficialità che, senza dubbio, avrebbe potuto esserle conferito dalla dirigenza, Petrucci, Grandi, Zanetti, Lalli, Ghirelli, Sasso, sono solo alcune delle firme che esaminano pregi e difetti di Stucchi e Cardarelli, Ghiggia (che impreziosisce la copertina) e Nyers. Le ultime delle 34 pagine, poi, sono dedicate alle sezioni Ciclismo, Baseball, Atletica, Pallacanestro, Rugby, Pallanuoto, Hockey e Pattinaggio.


La Roma da Testaccio all'Olimpico (1955)

Più di quelle del webmaster, sono le parole dell'editore Nando Castellucci a individuare le ragioni di un eccezionale numero unico: "Questa modesta pubblicazione ha lo scopo di rievocare in sintesi le gesta calcistiche dell'A.S. Roma, dai tempi di campo Testaccio, a quelli attuali dello Stadio Olimpico. Vuole essere uno schietto riconoscimento dell'opera grande e appassionata di Renato Sacerdoti, il popolare Presidente della Rinascita che è riuscito a portare di nuovo la Società giallo-rossa alle antiche glorie testaccine." Di particolare suggestione le tante interviste alle vecchie glorie, il ricordo di Ferraris IV di Rizieri Grandi, uno scritto di Enzo Petrucci su Capitan Venturi e un altro di Sergio Andreoli il cui titolo - "Parlare della Roma, cosa meravigliosa!" - non necessita di ulteriori commenti.


Questa è la Roma (1956)

Il secondo (e, purtroppo, ultimo) numero di Questa è la Roma esce, a cura di Enzo Petrucci e Ben Carucci, qualche settimana prima dell'inizio del torneo 1956/7. La formula, collaudata, è quella dell'anno precedente: una pagina (o quasi) per ogni calciatore in rosa e ampio spazio alle sezioni della polisportiva. In seconda di copertina un'immagine della Roma schierata che, in un'amichevole settembrina, ha sfidato la Juventus (pareggiando 2 a 2): Panetti, Nordahl, Venturi, Pistrin, Barbolini, Ghiggia, Costa (sì, proprio così: senza il Da...), Stucchi, Losi, Giuliano, Cardoni.


Amadei

Libricino di minuscole dimensioni (cm. 6,5x5,5) pubblicato dalla Editrice Vecchi di Milano che in venti pagine ripercorre la carriera del Campione d'Italia 1942. Con dovizia di particolari sugli esordi del frascatano e sul (decisivo) ruolo che ebbero le sue due sorelle nel sostituirlo - causa frequenti allenamenti - presso il forno di famiglia.


Galli

Sempre per i tipi della milanese Vecchi escono, all'inizio dei Cinquanta, queste venti pagine su Carletto Galli, da Montecatini alla Nazionale via Roma. Consuete note biografiche, spesso romanzate, ed un simpatico aneddoto sulle ragioni per le quali l'attaccante non finì alla Lazio.


Venturi

Cresciuto calcisticamente nell'U.S. Vignola, Arcadio Venturi è stato, per lunghe stagioni, molto più che semplice capitano giallorosso. Vera e propria bandiera, piuttosto, sia quando le cose non andavano particolarmente bene sia quando, ritornata in Serie A, la Roma iniziò a dare qualche soddisfazione ai suoi tifosi. Di questo e di molto altro si dà conto nel volumetto uscito durante il campionato 1953/4.


 

FB

Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account